Vai al contenuto

C-SCOPE CS1MX

Metal detector inglese che nel loro catalogo risulta essere il primo della categoria “motion”. Analogico, leggero e veramente interessante…il prezzo è la prima cosa che spaventa siamo sopra i 200 euro per una macchina che sembra essere un entry-level…ma non è così, dopo alcune ore di utilizzo ci si accorge che sotto le nostre mani si nasconde un piccolo portento! Preciso nella localizzazione del target, anche grazie alla bobina forata da 8″, non da falsi segnali. E’ incredibile ma è così…potete colpire erba bagnata, cannette di mais, erba secca o sassi, lui non suona mai…quando lo fa è perchè ha rilevato un target! Discriminazione che taglia in maniera netta, forse non velocissima se si passa da all metal ad un valore più alto durante la scansione sopra ad un target, ma discrimina bene i metalli. Aumentandola troppo si perde sicuramente meno di una manciata di centimetri di profondità, ma rimane comunque sempre stabile durante l’utilizzo. Un vero “accendi e vai!” lo setttate con il potenziometro di sinistra che è il threshold e non come siamo abituati al gain…di fatto sentirete all’accensione un sibilo che diventerà sempre più forte; andrà settato con un lieve rumore di sottofondo, ecco che il cs1mx è in soglia…mettete la discriminazione oltre il valore in rosso 2 (taglio del ferro) e partite. Non stanca anche dopo lunghe sessioni, n°1 batteria da 9V che assicura ben oltre 20 ore di utilizzo, può essere usato anche dalle quote rosa in quanto è molto leggero 1.1Kg, recovery veloce, suono mono-tono e taglio veloce del target non desiderato. Consigliato come primo utilizzo o come backup per i più esperti. Può essere usato ovunque, abbassando il threshold si presta bene anche su sabbia bagnata. Pecca leggermente nei materiali: plastica resistente ma esteticamente…inglese!

Cs1mx con la sua asta in 2 pezzi, in fase di test…superato alla grande!

MAGGIORI PREGI:

  • Leggerissimo e ben bilanciato
  • Ottima recovery
  • Buona Discriminazione
  • Nessun Falso segnale
  • Elettronica e componenti della scheda madre fatti a regola d’arte
  • Chi lo ha, se lo tiene

MAGGIORI DIFETTI:

  • Cavo della bobina collegato direttamente alla centralina quindi non intercambiabile
  • Manca predisposizione e laccio di tenuta al poggia gomito
  • Prezzo/qualità dei materiali costruttivi
  • Difficile reperirlo nuovo od usato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Google Translate Site